Seleziona una pagina

C’è stato il momento di Facebook e quello di Twitter. Adesso però è Instagram ad essere diventato il social network più interessante dal punto di vista del marketing. I motivi sono tanti e nel resto dell’articolo cercherò di illustrarti quelli che ritengo più importanti. Infine ti dirò perché secondo me bisogna affrettarsi a lanciarsi in questo mercato e ti consiglierò una guida esaustiva per approcciarsi a questo social network.

Sei pronto? Cominciamo!


Come sempre, un’immagine vale più di mille parole, perciò comincerò mostrandoti un grafico di Google Trends riguardo Instagram e Twitter.

Come vedi l’interesse per Instagram è letteralmente decollato negli ultimi due anni, andando a superare anche quello per Twitter, che al contrario sta soffrendo di un calo sistematico di utenti attivi.

Certo il grafico non riporta il valore di Facebook che è ovviamente fuori scala rispetto a Twitter e Instagram, tuttavia la difficoltà di ottenere reach organico sul social network di Zuckerberg lo ha reso molto meno interessante. Fino a qualche anno fa era relativamente facile costruire da zero una pagina Facebook con decine, se non centinaia di migliaia di like. Oggi invece la necessità di far cassa ha portato il gigante di Menlo Park a limitare fortemente il reach non a pagamento dei contenuti pubblicati, limitando di conseguenza anche la visibilità delle pagine più piccole che non hanno un budget da investire.

Ma veniamo ai motivi che dovrebbero convincerti a recuperare la password di quel vecchio account Instagram che hai creato anni fa e non hai mai utilizzato.

1. Sei ancora in tempo

A differenza di Facebook, che è ormai sovraccarico di ogni tipo di business e attività, Instagram è un territorio ancora relativamente poco esplorato, soprattutto dai piccoli brand, perché considerato erroneamente poco utile da un punto di vista promozionale. Questo aumenta le possibilità di ritagliarsi una visibilità maggiore prima degli altri.

2. Barriere all’ingresso minime

Instagram è un social network veramente semplice da usare. Le funzionalità che offre e le dinamiche che lo caratterizzano sono facili da comprendere e padroneggiare. Inoltre è nato mobile quindi è pensato per essere utilizzato in un contesto “in movimento”. Ultimo ma non meno importante, spesso viene utilizzato dagli utenti come social network primario, perché i contenuti postati su Instagram, oltre ad essere visivamente più accattivanti grazie ai filtri preimpostati, possono essere condivisi automaticamente su Instagram, Facebook o Tumblr.

3. Nessuno filtro

Un’altra delle caratteristiche che differenzia Instagram da Facebook è che il feed degli utenti, ovvero la lista dei contenuti pubblicati dalle persone che seguiamo, non è filtrato. Questo significa che ogni contenuto che pubblichiamo potrà potenzialmente essere visto dai tutti i nostri follower con l’unico vincolo dell’ordinamento cronologico.

4. Engagement altissimo

Che i contenuti visuali generassero più engagement di quelli testuali non è certo una novità. Un dato su tutti: la probabilità che un contenuto visuale venga condiviso sui social network è del 40% più alta rispetto a quella dei contenuti testuali. Se non sei ancora convinto ti consiglio di dare un’occhiata a questa infografica presa da ragan.com (clicca sull’immagine per vedere l’infografica completa)

preview infografica contenuto visuale

A questo dato si aggiunge però una peculiarità di Instagram: il livello di engagement medio dei contenuti postati su Instagram è del 4,21%, ovvero circa 58 volte più alto di quello di Facebook e 120 volte quello di Twitter.

5. Numeri da capogiro

Instagram ha da poco sfondato quota 400 milioni di utenti, con una media di 300 milioni di utenti attivi mensili. Ad oggi sono stati già condivisi 20 miliardi di foto, con 70 milioni di nuove foto e 2.5 miliardi di like ogni giorno. Nel 2015 i proventi derivanti dall’advertising dovrebbero attestarsi poco sotto i 600 milioni di dollari. Ma le previsioni dicono 2,8 miliardi di dollari per il 2017. Se questi numeri non bastassero il solo fatto di essere di proprietà di Facebook è una garanzia del fatto che continuerà a crescere inesorabilmente.

6. Hashtag efficaci

Al contrario di Facebook, che non è riuscito a far decollare l’utilizzo degli hashtag, Instagram ne sfrutta a pieno la potenza, forse anche meglio di Twitter. Guardando alle statistiche si può notare, infatti, che oltre la metà dei contenuti condivisi contiene almeno un hashtag e che il picco dell’engagement si ottiene utilizzando più di 10 hashtag. Questo significa che gli utenti di Instagram utilizzano e seguono attivamente gli hashtag per loro più interessanti, dandoci la possibilità di raggiungere e interagire facilmente con il pubblico più interessato alla nostra nicchia di mercato.

7. Ottimi tassi di conversione

Instagram ha un vantaggio per i brand abbastanza ovvio che deriva dalla possibilità di pubblicizzare i propri prodotti con uno stile accattivante. Quello che forse non tutti sanno però è che il tasso e il valore delle conversioni sono sorprendenti. La percentuale di utenti provenienti da Instagram che acquistano un prodotto sul sito di un brand è del 1,08%, posizionandosi quarto tra tutti i social network, con un valore medio di acquisto di circa 65 dollari, secondo solo a Polyvore.

8. Tutti i migliori già ci sono

Esatto, l’85% dei top brand utilizzano normalmente Instagram. Percentuale che sale al 96% se si considerano i top brand americani del settore fashion. Perché? Semplice, perché Instagram è un canale comunicativo con un fortissimo impatto visivo, perfetto per uno storytelling focalizzato sul lato umano del brand. E da questi dati direi che tutti i più grandi l’hanno capito.


In conclusione: Instagram si trova ancora in un periodo simile a quello della corsa all’oro. Un periodo in cui è ancora possibile costruirsi profili con centinaia di migliaia di follower. Ma due notizie molto recenti indicano che il “far west” sta per finire.

La prima notizia è che è stata finalmente lanciata in beta la funzionalità multiaccount, a sottolineare come Instagram sia pronto ad aprirsi completamente al marketing. D’altronde fino ad oggi ogni agenzia, o anche ogni privato, che doveva gestire più account, doveva farlo dotandosi di più dispositivi oppure effettuando logout e login continui tra i diversi account.

La seconda riguarda una revisione molto stringente delle policy di accesso alle API che diventerà pienamente operativa a partire da giugno 2016. Questa stretta porterà alla morte di diverse applicazioni di terze parti utilizzate soprattutto per l’automatizzazione dell’interazione con gli utenti (i cosiddetti “bot“, come Instagress). E questo è un segno inequivocabile che Instagram vuole mantenere il massimo controllo sui suoi contenuti.

Instagram on Fire

Se sei arrivato fino a qui forse ti sarai convinto a buttarti nel business di Instagram. Se è così probabilmente avrai bisogno di una guida. Se posso darti un consiglio la guida più esaustiva che ho trovato, per di più in italiano, è il corso Instagram on Fire di Dario Vignali, un blogger esperto di Web Marketing.

instagram on fire

 

Pin It on Pinterest

facebook like

Ti è piaciuto l'articolo?

Che ne dici di mettere un like alla mia pagina Facebook, a te non costa nulla, ma per me significa molto!

You have Successfully Subscribed!